Benvenuto Visitatore ( Connettiti | Registrati )


  Reply to this topicStart new topicStart Poll

> Jutland, Wargame navale tattico I G.M.
Franco60
Inviato il: Sabato, 28-Mag-2016, 02:44
Quote Post



Group Icon

Gruppo: Regia Marina
Messaggi: 1163
Utente Nr.: 115
Iscritto il: 01-Mag-2015



In occasione del 100° anniversario del più famoso scontro tra flotte del primo conflitto mondiale, ho il piacere di presentarvi questo datato ma pur sempre avvincente wargame navale:

JUTLAND

user posted image
La boxcover di "Jutland" 1974 edition della Avalon Hill

Jutland, è un vecchio board-wargame tattico/operazionale disegnato da Jim Dunnigan, prodotto nel lontano 1967 della Avalon Hill e ri-pubblicato in una edizione leggermente riveduta e corretta nel 1974. Simula lo scontro navale avvenuto al largo della penisola dello Jutland nel Mare del Nord tra il 31 Maggio e il 1 Giugno 1916 tra la Hochseeflotte tedesca e la Grand Fleet britannica. Fu l'unica occasione in cui entrambe le flotte al gran completo si siano confrontate durante la I G.M. Avendolo provato solo due volte nei lontani anni '80, ho un ricordo abbastanza vago, ma rammento perfettamente la somiglianza del suo sistema di gioco al più recente Bismarck (nella versione tattica), sempre prodotto dalla Avalon Hill e che ho precedentemente recensito. Per presentarvelo in modo adeguato, traduco e adatto una bella recensione di Jeff Schulte pubblicata nel 2008 sul sito boardgamegeek.com.

Non è un classico boardgame. E' facile distinguerlo in quanto non contiene alcuna mappa principale di gioco (come d'altra parte nel sistema di simulazione tattica di Bismarck). Assomiglia di più ad un wargame con miniature. In primo luogo, vi è la fase di ricerca. Ogni partito utilizza una piccola mappa esagonata per tracciare il movimento delle proprie flotte attraverso il Mare del Nord ed effettuare la ricognizione del nemico dichiarando le coordinate di ricerca. Quando le navi vengono avvistate nel medesimo esagono, si passa alla simulazione tattica della battaglia utilizzando i counters delle navi, i righelli o indicatori di manovra, i telemetri ed utilizzando come zona di gioco un tavolo oppure il pavimento. Gli indicatori di manovra ed i telemetri vengono utilizzati per manovrare le formazioni navali e determinare le distanze di tiro tra le navi.

Il cuore della simulazione è la risoluzione tattica della battaglie tra le due flotte. Il gioco tattico consiste nel manovrare da ambo i lati le formazioni navali utilizzando gli indicatori di manovra di cui sopra, per poi effettuare il combattimento simultaneo tra le singole navi. Dopo sei turni di gioco che corrispondono ad un ora di combattimento effettivo, è possibile muovere ulteriormente le flotte sulla mappa di ricerca (operazionale) ed eventualmente farle intervenire nella lotta.

Il movimento è semplice. Ogni singola nave (o di gruppo di navi per gli incrociatori leggeri e i cacciatorpediniere), ha un fattore di movimento, e può muovere fino a tale importo sull'indicatore di manovra. L'unica limitazione nel movimento è che le navi devono rimanere in formazione. Le navi normalmente devono essere raggruppate in colonne di almeno 3 navi e muoversi insieme incolonnate o in linea di fila. L'indicatore di manovra è arrotondato ad un'estremità per descrivere il raggio di virata più stretto delle capital ship. I tedeschi hanno un vantaggio in quanto possono allontanarsi dalla battaglia con tutte le navi facendo contemporaneamente un'inversione di 180° con tutte le navi di un'intera colonna. Gli inglesi hanno la limtazione che devono virare le loro navi in in successione.

Ci sono due tipi di combattimento in Jutland, il cannoneggiamento, seguito dal lancio dei siluri. Tutte le navi hanno registrato sulla Hit Record Chart il proprio fattore di protezione, le torri d'artiglieria, e i siluri (solo per i cacciatorpediniere). Il combattimento coi cannoni consiste nel contare le torri che possono sparare sull'arco appropriato (fiancata sinistra / destra, prua e poppa), per poi lanciare il dado incrociando il risultato sulla colonna appropriata della tabella di artiglieria. La tabella darà il numero di colpi a segno sul bersaglio o se un colpo critico è stato inflitto. Colpi a segno cancellano box sulla Hit Record Chart ( es. riducono i fattori dei cannoni), o se non ci sono più box disponibili, infliggono danni allo scafo. Il combattimento è influenzato dalla gittata. Per corazzate e incrociatori da battaglia, i colpi a segno sono quelli indicati in tabella da 10.000 a 16.000 yarde. Raddoppiano invece da 3.000 a 9.999 yarde, e triplicano a meno di 3.000 yarde. Oltre 16.000 yarde, i colpi a segno vanno dimezzati. I colpi critici sono tipi speciali di danni che interessano l'operatività di una nave. Essi comprendono colpi alle centrali di tiro, colpi al timone, e anche possibili esplosioni dei depositi di munizioni che affondano la nave definitivamente. Questo aggiunge parecchia adrenalina al gioco.

Il combattimento coi siluri funziona in modo similare. Una flottiglia di cacciatorpediniere ha un certo numero di fattori siluro e lancia il dado sulla Torpedo Combat Table per verificare quanti danni allo scafo ha inflitto alla nave bersaglio. Le azioni di siluramento sono si pericolose, ma avvengono successivamente al combattimento di artiglieria cosicché le navi hanno la possibilità di affondare i cacciatorpediniere prima che lancino i loro siluri. Questo per simulare la difficoltà nel lancio dei siluri che hanno un raggio massimo di 6.000 yarde. Inoltre, se la distanza è superiore alle 3000 yarde, le navi bersaglio possono dichiarare di disporsi a "pettine" per neutralizzare l'attacco col siluro. Scegliendo questa opzione, devono però rinunciare al tiro con l'artiglieria nel prossimo turno.

Le navi possono affondare in due modi; accumulando un numero di colpi a segno nello scafo pari al fattore di protezione della nave, oppure ricevendo colpi a segno d'artiglieria in un turno pari al fattore di protezione della nave. Danni allo scafo causano anche rallentamento ad un bersaglio in movimento.

Le flotte in Jutland sono abbastanza bilanciate, e ogni lato ha i suoi vantaggi, come è stato storicamente accertato. Gli inglesi iniziano con un vantaggio numerico. Hanno più navi del tedesco per ogni categoria, dalle corazzate ai cacciatorpediniere. In particolare, le loro flottiglie di destroyer hanno fino a 15 navi e sono difficili da colpire quando sono in attacco. Gli incrociatori da battaglia inglesi godono anche di un piccolo vantaggio in termini di velocità, mentre le navi da battaglia britanniche hanno generalmente una migliore artiglieria (mediamente un vantaggio di 2 fattori). I tedeschi godono comunque di un grande vantaggio in fatto di corazzatura, che li rende molto più difficili da affondare. In media, le corazzate e gli incrociatori da battaglia tedeschi hanno un fattore di protezione di 12, mentre le navi da battaglia britanniche hanno solo un 8. Ancora peggio stanno gli incrociatori da battaglia inglesi. Le navi della classe Invincible hanno un fattore di protezione ridotto a 4, che li rende tutt'altro che invincibili. Questo fattore da solo incoraggia i tedeschi a ridurre le distanze a meno di 10.000 yarde raddoppiando i colpi a segno, rendendo la situazione molto pericolosa per gli inglesi. Aggiungerei anche che tutto ciò porta storicamente entrambe le parti a concentrare il fuoco in modo che le navi vengano affondate definitivamente.

Nel complesso, Jutland offre un'ottima giocabilità, e si ha la sensazione di comandare una grande Squadra da battaglia. Ci sono alcune regole opzionali che possono essere aggiunte come il fumo, ed altre opzioni di ricerca che aggiungono realismo. Trovo inoltre interessante il fatto che il gioco inizia con la fase di ricerca, e non è solo una replica storica della battaglia. In questa situazione entrambe le parti puntano a confrontarsi solamente con una frazione della flotta avversaria sfruttando tutto il peso della propria linea di battaglia. Naturalmente, questa situazione non si verifica nella maggior parte delle volte, e si finisce in ogni caso con una grande rissa. Ma ne vale la pena!

Utilizzando la scala del gioco, qualsiasi tavolo o superficie piana da 1,5 x 1,5 metri è più che sufficiente per ricreare una grande scontro tra flotte.

user posted image
Tutti i componenti di "Jutland" (1974 edition AH)

user posted image
La mappa di ricerca (o operazionale)

user posted image
Esempio di simulazione tattica su superficie preparata (tavolo con panno)

(Fonte di tutte le foto: boardgamegeek.com)

Da segnalare inoltre che in occasione di questo centenario il 10 Maggio scorso presso lo U.S. Naval War College (NWC) di Newport, R.I. si è tenuto un wargame rievocativo per commemorare l'evento. Durante questa ricostruzione storica sono state impiegate le medesime tecniche e metodologie usate in passato per studiare e capire le strategie e tattiche navali più opportune da impiegare in battaglia:

Re-fighting-Jutland (manbattlestations.com)
Wargaming the Centennial of the Battle of Jutland (wargamingcommunity.wordpress.com)
Naval War College reenacts Jutland war-game (norfolknavyflagship.com)

user posted image
(photo by U.S. Naval War College)
PMEmail Poster
Top
Utenti totali che stanno leggendo la discussione: 1 (1 Visitatori e 0 Utenti Anonimi)
Gli utenti registrati sono 0 :

Topic Options Reply to this topicStart new topicStart Poll

 



[ Script Execution time: 0.4824 ]   [ 19 queries used ]   [ GZIP Abilitato ]