Benvenuto Visitatore ( Connettiti | Registrati )


Pagine : (5) 1 2 [3] 4 5   ( Vai al primo messaggio non letto ) Reply to this topicStart new topicStart Poll

> L'Admiral Kuznetsov è ritornata in linea
Franco60
Inviato il: Domenica, 13-Nov-2016, 03:00
Quote Post



Group Icon

Gruppo: Regia Marina
Messaggi: 1163
Utente Nr.: 115
Iscritto il: 01-Mag-2015



QUOTE
Così la possono avvistare a miglia di distanza senza nemmeno disturbare radar & satelliti

Al pari della Grande Muraglia cinese, dai satelliti è visibilissima la scia di fumo che la Admiral Kuznetsov lascia dietro di se:

user posted image
(photo by U.S. Geological Survey - processed by Pierre Markuse)

Per ingrandire
.

Messaggio modificato da Franco60 il Domenica, 13-Nov-2016, 03:01
PMEmail Poster
Top
Franco60
Inviato il: Lunedì, 14-Nov-2016, 18:46
Quote Post



Group Icon

Gruppo: Regia Marina
Messaggi: 1163
Utente Nr.: 115
Iscritto il: 01-Mag-2015



Precipita durante la fase di appontaggio un biposto Mig-29KUB della Marina Russa basato sulla Admiral Kuznetsov

user posted image
(photo by migavia.ru)

L'incidente pare sia accaduto il 13 Novembre nelle prime ore del pomeriggio al rientro da una missione di volo su Aleppo. Il pilota si è lanciato ed è stato recuperato sano e salvo da un elicottero.

(Fonte: theaviationist.com, defence.ru)
PMEmail Poster
Top
Nelson
Inviato il: Lunedì, 14-Nov-2016, 20:32
Quote Post





Gruppo: Members
Messaggi: 964
Utente Nr.: 5
Iscritto il: 24-Giu-2012



il MIG-29KUB in configurazione biposto nasce come versione da addestramento al combattimento (UB sta per Učebno-Boevoj). è curioso notare come la velina, in perfetto stile cold war, non accenni minimamente alla sorte del navigatore...


--------------------
user posted image user posted image
PMEmail Poster
Top
Franco60
Inviato il: Lunedì, 14-Nov-2016, 21:11
Quote Post



Group Icon

Gruppo: Regia Marina
Messaggi: 1163
Utente Nr.: 115
Iscritto il: 01-Mag-2015



Notizia confermata anche dal Ministero della Difesa russo
(Fonte: defence.ru, tass.com, sputniknews.com)

Durante la guerra fredda queste notizie non trapelavano affatto e se si veniva a sapere qualcosa avveniva dopo parecchio tempo. Oggi fortunatamente è tutto più trasparente in perfetto stile "glasnost" e la guerra fredda è un lontano ricordo (anche se alcuni vorrebbero resuscitarla).

In merito al navigatore, non compare in nessun articolo. Tutti parlano di pilota al singolare, anche theaviationist.com



Messaggio modificato da Franco60 il Lunedì, 14-Nov-2016, 21:15
PMEmail Poster
Top
Nelson
Inviato il: Martedì, 15-Nov-2016, 10:10
Quote Post





Gruppo: Members
Messaggi: 964
Utente Nr.: 5
Iscritto il: 24-Giu-2012



QUOTE (Franco60 @ Lunedì, 14-Nov-2016, 20:11)
Durante la guerra fredda queste notizie non trapelavano affatto e se si veniva a sapere qualcosa avveniva dopo parecchio tempo.

beh ricorderà il triste episodio del K 129...non proprio un luminoso esempio di maskirovka


--------------------
user posted image user posted image
PMEmail Poster
Top
Franco60
Inviato il: Martedì, 15-Nov-2016, 22:51
Quote Post



Group Icon

Gruppo: Regia Marina
Messaggi: 1163
Utente Nr.: 115
Iscritto il: 01-Mag-2015



In realtà Ammiraglio a quell'epoca ero ancora un ragazzino e le notizie le leggevo al massimo sul Corriere di mio padre (che certe notizie non le riportava mai - come oggi d'altra parte). Ho fatto una piccola ricerca e ho scoperto che di K-129 sovietici ce ne furono due ed entrambi fecero una brutta fine.

Il primo K-129 (Project 629A) SSB appartenente alla classe Golf II secondo la classificazione NATO e di chiara ispirazione tedesca (Type XXI), affondato per ragioni ancora oggi sconosciute nel Marzo 1968, ritrovato e parzialmente recuperato dagli USA in fondo al Pacifico. Il secondo K-129 (Project 667BDR) classe Delta III per la NATO, ebbe un incidente al reattore nucleare nel 1989. Immagino Ammiraglio si riferisca alla triste vicenda del primo K-129, quello scomparso nel Pacifico in piena guerra fredda. Quello purtroppo non era certo un periodo di glasnost sia da parte dei sovietici, sia da parte degli USA.

Tornando al gruppo navale della Admiral Kuznetsov:

Iniziata l'offensiva missilistica dal gruppo navale russo
...annunciata con grande anticipo.

(estratto da RID portaledifesa.it)
Il gruppo da battaglia della portaerei russa ADMIRAL KUZNETSOV ha inizato le operazioni belliche contro obbiettivi dei ribelli siriani in supporto alla nuova offensiva lealista su Aleppo. Secondo le prime informazioni disponibili, una salva di missili da crociera land attack 3M-14 KALIBR sono stati lanciati contro bersagli nelle provincie di Idlib e Aleppo. Nel video il lancio dei KALIBR dalla moderna fregata ADMIRAL GRIGORIVICH e le operazioni di volo dei Su-33 dalla KUZNETSOV.

Notizia riportata anche da: difesaonline.it, news.usni.org, rt.com

Only registered users can see youtube.com videos
Registrati o Entra nel forum!

(video by Ministero della Difesa russo via YouTube)

Only registered users can see youtube.com videos
Registrati o Entra nel forum!

(video by ZvezdaTVnews via YouTube)

Messaggio modificato da Franco60 il Sabato, 19-Nov-2016, 18:06
PMEmail Poster
Top
Franco60
Inviato il: Sabato, 19-Nov-2016, 17:20
Quote Post



Group Icon

Gruppo: Regia Marina
Messaggi: 1163
Utente Nr.: 115
Iscritto il: 01-Mag-2015



In azione i caccia imbarcati dell’Admiral Kuznetsov

user posted image
Mig-29KUB a bordo della Kuznetsov
(photo by Russian Navy)

(estratto da analisidifesa.it)
"Sono almeno 30 i militanti dell’ex Fronte al-Nusra (oggi Fronte Fatah al-Sham) deceduti lo scorso 15 novembre a seguito di attacchi aerei condotti dai caccia imbarcati Sukhoi Su-33 (“Flanker-D” per la NATO) decollati dalla portaerei Admiral Kuznetsov...
Benchè nato come caccia intercettore il Su-33 ha la possibilità di imbarcare armi aria terra come bombe a caduta libera ad alto esplosivo FAB-100/250/500, cluster bombs RBK-100/250/200 e razzi guidati S-8KOM/OM/BM da 80 mm, S-13T/OF da 122 mm o razzi singoli S-25-OFM-PU da 266 mm, e persino missili antiradar Kh-31P e missili antinave Kh-31A, Kh-41 e Kh-59MK.
Secondo gli inviati di RT (Russia Today) presenti a bordo tuttavia, i Su-33 hanno operato in queste missioni specificatamente con bombe a caduta libera da 500 chili.
Restano nell’ombra mediatica invece i multiruolo MiG-29K imbarcati, certamente più adatti a queste missioni da attacco al suolo ma probabilmente penalizzati da un’autonomia ridotta rispetto ai Flanker navali, senza contare la recente perdita di un Fulcrum avvenuta in fase di appontaggio quasi certamente per problemi meccanici riscontrati subito dopo il decollo per una missione operativa nei cieli siriani. Il pilota si è eiettato per fortuna senza riportare lesioni ed è stato prontamente recuperato dalla componente SAR ad ala rotante di stanza sull’Admiral Kuznetsov."

Notizia riportata anche da: difesaonline.it, janes.com, defence.ru


Spettacolari riprese a 360° a bordo della Admiral Kuznetsov al largo della Siria

Only registered users can see youtube.com videos
Registrati o Entra nel forum!

(360° video by RT360 rt.com via YouTube)
Per ruotare il punto di vista è possibile utilizzare il cursore con le 4 frecce posizionato in alto a sinistra

Varie riprese di attività operativa a bordo dell'incrociatore lanciamissili porta-aeromobili Admiral Kuznetsov

Only registered users can see youtube.com videos
Registrati o Entra nel forum!

(video by Svani7480 via YouTube)

Posticipati a data ancora da definire i lavori di ammodernamento sulla Admiral Kuznetsov
Fonte: navyrecognition.com, defense-aerospace.com

Messaggio modificato da Franco60 il Sabato, 19-Nov-2016, 18:49
PMEmail Poster
Top
Franco60
Inviato il: Martedì, 22-Nov-2016, 02:19
Quote Post



Group Icon

Gruppo: Regia Marina
Messaggi: 1163
Utente Nr.: 115
Iscritto il: 01-Mag-2015



Mig-29 precipitato per piantata di entrambi i motori

user posted image
(photo by defence.ru)

Dalle prime indagini sembra che il Mig-29 (ancora in fase di test) sia precipitato in mare il 13 Novembre scorso a causa di una piantata contemporanea di entrambi i motori (probabile esaurimento del carburante - ndr). L'aereo finito in mare, pilotato da un ufficiale esperto, si sarebbe attardato nell'appontaggio a causa del ripristino dei cavi d'arresto dovuto alla rottura di un cavo sul ponte della Kuznetsov. Un Mig-29 della medesima pattuglia di tre velivoli avrebbe tranciato uno dei cavi d'arresto nel precedente appontaggio (il Mig-29K tocca il ponte a 250 Km/h e pare che la rottura dei cavi d'arresto non sia così rara sulla Kuz). Da qui la necessità di ripristinare i cavi ed il ritardo accumulato dall'ultimo Mig ancora in volo.

Fonte: news.usni.org, defence.ru, gazeta.ru


QUOTE
quasi lo stesso giorno (15 Ottobre) è salpato da Vladivostok un gruppo navale, composto da: il caccia ASW "Admiral Tributs" (progetto 1155), il cacciatorpediniere "Rastoropnyy" (progetto 956), la petroliera rifornitrice d'alto mare "Boris Butoma" (progetto di 1559V) e il rimorchiatore da soccorso "Alatau" (progetto 1452).

Da segnalare che il cacciatorpediniere "Rastoropnyy" è nel frattempo rientrato a Vladivostok mentre le altre navi del gruppo sono ancora in mare aperto nell'Oceano Pacifico.

Fonte: defence.ru

Messaggio modificato da Franco60 il Martedì, 22-Nov-2016, 02:54
PMEmail Poster
Top
Franco60
Inviato il: Lunedì, 05-Dic-2016, 15:19
Quote Post



Group Icon

Gruppo: Regia Marina
Messaggi: 1163
Utente Nr.: 115
Iscritto il: 01-Mag-2015



Precipita in fase di appontaggio un Su-33 Flanker

user posted image

E' il secondo caccia imbarcato perso durante le operazioni nel Mediterraneo orientale. Anche in questo caso i problemi ai cavi d'arresto sulla Admiral Kuznetsov sembrano essere la causa più plausibile. Il caccia non si è arrestato ma ha proseguito la sua corsa oltrepassando il limite del ponte finendo in mare. Il pilota si è salvato eiettandosi ed è stato poi recuperato da un elicottero.
Notizia confermata anche dal Ministero della Difesa russo.

Fonte: theaviationist.com, defence.ru, rg.ru

Messaggio modificato da Franco60 il Lunedì, 05-Dic-2016, 15:31
PMEmail Poster
Top
Franco60
Inviato il: Lunedì, 09-Gen-2017, 02:30
Quote Post



Group Icon

Gruppo: Regia Marina
Messaggi: 1163
Utente Nr.: 115
Iscritto il: 01-Mag-2015



Siria, Mosca avvia il disimpegno militare. Si parte dal ritiro della portaerei Kuznetsov

user posted image
(photo by VKontakte)

(estratto da analisidifesa.it)
Il ministero della Difesa russo ha annunciato di aver dato inizio alla riduzione delle forze russe, precisando che il gruppo navale guidato dalla portaerei Admiral Kuznetsov, che tanto clamore aveva destato negli ambienti NATO, sarà il primo a lasciare l’area.
Il generale Andrei Kartapolov, a capo delle forze russe in Siria, ha reso noto che i velivoli imbarcati (12 di cui 4 Mig 29 KR e 8 Sukhoi Su-33) hanno effettuato 420 sortite e colpito 1.252 obiettivi dei terroristi.
La Kuznetsov ha però perduto due velivoli, un Mig-29KR e un Su-33, per incidenti in appontaggio e secondo diverse fonti molti velivoli sono stati poi impiegati dalla base di Hmeymim, dove operano i velivoli dell’Aeronautica Russa. Per questo non è chiaro se le sortite annunciate da Kartapolov si riferiscano a quelle effettuate dalla portaerei o più probabilmente dai 12 velivoli imbarcati considerando anche le missioni effettuate dall’aeroporto nei pressi di Latakya...

Notizia apparsa anche su: ilsole24ore.com, news.usni.org, navaltoday.com, defence-blog.com, defence.ru, tass.com
PMEmail Poster
Top
Franco60
Inviato il: Giovedì, 12-Gen-2017, 02:18
Quote Post



Group Icon

Gruppo: Regia Marina
Messaggi: 1163
Utente Nr.: 115
Iscritto il: 01-Mag-2015



La Kuznetsov davanti alle coste libiche

Only registered users can see youtube.com videos
Registrati o Entra nel forum!

(video by Ruptly TV via YouTube)

L'Admiral Kuznetsov che è sulla rotta del rientro verso la Russia, è entrata oggi nelle acque territoriali libiche svolgendovi una missione "diplomatica".
Il Dipartimento dell'informazione del Ministero della Difesa russo ha dichiarato che il comandante della Libyan National Army maresciallo Khalifa Haftar ha fatto visita alla portaerei Admiral Kuznetsov, intrattenendosi in videoconferenza con il Ministro della Difesa russo Sergei Shoigu per discutere della lotta contro il terrorismo in Medio Oriente. Secondo alcuni rumors, i russi, rispondendo alle richieste di aiuto da parte di Haftar mirerebbero ad otterrebbe l’uso della base navale di Sidi Barrani ed un’opzione per una base aerea sul territorio libico.

Libia come Siria?

Fonte: bloomberg.com, reuters.com, defence.ru, ria.ru

e per approfondire il tema: formiche.net, warisboring.com

Messaggio modificato da Franco60 il Giovedì, 12-Gen-2017, 02:38
PMEmail Poster
Top
Franco60
Inviato il: Lunedì, 06-Feb-2017, 02:18
Quote Post



Group Icon

Gruppo: Regia Marina
Messaggi: 1163
Utente Nr.: 115
Iscritto il: 01-Mag-2015



Il gruppo di volo della Kuznetsov rientra a Severomorsk

user posted image
(photo by bastion-karpenko.ru)

Terminata la prima ed unica operazione di combattimento effettuata dall'Incrociatore lanciamissili portaeromobili Admiral Kuznetsov, come la chiamano i russi, ("ship of shame" come invece l'hanno soprannominata i media UK e USA), Venerdì 3 Febbraio l'intero gruppo di volo è rientrato sul campo d'aviazione Severomorsk-3 nella regione di Murmansk. Gli aerei e gli elicotteri della Admiral Kuznetsov hanno compiuto nei cieli della Siria 420 sortite, di cui 117 notturne, distruggendo più di mille obiettivi appartenuti a terroristi e a ribelli anti-Assad. Hanno invece perduto due velivoli in fase di appontaggio (senza danni per i piloti) per guasti tecnici ai cavi d'arresto e probabili carenze addestrative. Il gruppo navale cui fa parte l'Admiral Kuznetsov dopo essere stato scortato sulla rotta del rientro da diverse unità aeronavali della NATO, si trova ora nell'area del mare di Barents. Una volta rientrata alla base l'Admiral Kuznetsov dovrebbe intraprendere estesi lavori di revisione e aggiornamento.

Fonte: defense-watch.com, us.cnn.com, ukdefencejournal.org.uk, difesaonline.it, defence.ru, bmpd.livejournal.com, foto-i-mir.ru

Only registered users can see youtube.com videos
Registrati o Entra nel forum!

(video by Ministero della Difesa russo via YouTube)

Only registered users can see youtube.com videos
Registrati o Entra nel forum!

(video by Ruptly TV via YouTube)

Messaggio modificato da Franco60 il Lunedì, 06-Feb-2017, 02:21
PMEmail Poster
Top
Nelson
Inviato il: Martedì, 07-Feb-2017, 04:04
Quote Post





Gruppo: Members
Messaggi: 964
Utente Nr.: 5
Iscritto il: 24-Giu-2012



la crociera dell'AK ha fornito qualche utile informazione sullo stato di approntamento dell'unità, che non mi pare si possa definire brillante. vi segnalo questo filmato:

Only registered users can see youtube.com videos
Registrati o Entra nel forum!


al minuto 5:03 riconoscerete il nostro Garibaldi


--------------------
user posted image user posted image
PMEmail Poster
Top
Franco60
Inviato il: Mercoledì, 08-Feb-2017, 01:33
Quote Post



Group Icon

Gruppo: Regia Marina
Messaggi: 1163
Utente Nr.: 115
Iscritto il: 01-Mag-2015



QUOTE
la crociera dell'AK ha fornito qualche utile informazione sullo stato di approntamento dell'unità, che non mi pare si possa definire brillante

Senza dubbio Ammiraglio, la AK non gode affatto di uno stato di approntamento brillante, infatti è un residuato dell'ex Unione Sovietica con più di 20 anni di mare sotto la chiglia, senza esperienza operativa, ed un progetto che risale agli anni 70/80 del XX secolo, ma mi pare di capire che i primi ad esserne consapevoli siano proprio i russi i quali pare hanno sempre predisposto un piano B per ogni evenienza. E l'operazione pur con diversi contrattempi l'hanno conclusa. In tempi di recessioni economiche globali poter vantare di avere una flotta perfettamente efficiente credo che ormai pochi se lo possono ancora permettere e, senza entrare nei dettagli, i fatti di questi giorni ne sono amara testimonianza.

Interessante nel filmato che ha postato dal minuto 11:13 si vede chiaramente il sistema di frenatura tramite cavi d'arresto e le relative apparecchiature sottoponte. La lunghezza della pista di arresto non permette alcun errore. L'aspetto che colpisce è l'approccio molto spartano per tutte le operazioni sul ponte, con pochissimo personale addetto. Nulla a che vedere rispetto alla quasi contemporanea uscita in mare della Liaoning cinese (medesima classe della Admiral Kuznetsov) dove l'approccio alle operazioni sul ponte è molto più simile a quello della US Navy (hanno copiato anche questo laugh.gif )

Messaggio modificato da Franco60 il Mercoledì, 08-Feb-2017, 01:54
PMEmail Poster
Top
Franco60
Inviato il: Venerdì, 10-Feb-2017, 12:05
Quote Post



Group Icon

Gruppo: Regia Marina
Messaggi: 1163
Utente Nr.: 115
Iscritto il: 01-Mag-2015



Il gruppo navale impegnato in Siria rientra a Severomorsk

user posted image
(photo by Lev Fedoseyev / TASS)

(estratto da difesaonline.it)
"Tutto pronto a Severomorsk, nella penisola di Kola, per il rientro ufficiale della portaerei Kuznetsov e dell’incrociatore Pietro il Grande già ancorate in rada.
La missione delle unità della Flotta del Nord, terminata ad inizio anno, era iniziata il 15 ottobre 2016. Più che per gli importanti risultati sotto il profilo militare (più di 400 missioni per un totale di 1200 obiettivi raggiunti) la missione della flotta russa ha lasciato il segno dal punto di vista geopolitico.
La Kuznetsov, unico vascello portaeromobili al mondo capace di operare nei mari artici, è stata la prima portaerei russa ad essere impiegata in teatri bellici e ha segnato il ritorno su larga scala di Mosca nel Mediterraneo. Una flotta permanente era stata istituita già nel 2013 quando gli USA minacciarono l’intervento diretto contro Assad, ma mai i russi in precedenza avevano schierato una forza navale così potente.
Con la missione in Siria, per la prima volta la marina della Federazione ha assunto un ruolo da protagonista in scenari lontani dai mari domestici, dando prova di capacità operativa di lungo raggio (18.000 miglia nautiche). In questo contesto va considerato il lancio di missili Kalibr dalle unità schierate davanti alla costa siriana che ha doppiato l'attività balistica effettuata con gli stessi vettori in passato con unità minori (fregate Gepard e corvette Buyan) dal Mar Caspio.
Insieme alla Kuznetsov, impegnata presto in lavori di ammodernamento, fanno rientro alla base anche l’ammiraglia della Flotta del Nord incrociatore nucleare Pietro il Grande, le cacciatorpediniere Udaloy, Severomorsk, Kulakov, la fregata Grigorovich e due sottomarini nucleari d’accatto Akula.
La Flotta del Nord, tornata a livello di grande efficienza dopo il periodo di smantellamento successivo al crollo sovietico, può contare oggi su più di 200 navi (comprese quelle d’appoggio) e su contingenti di terra altamente addestrati..."


Fonte: defense-aerospace.com, tass.com, defence.ru, rg.ru, sputniknews.com (molta propaganda, ma anche parecchia sostanza)

Naturalmente nessun media mainstream occidentale ne da notizia. Tutti tacciono smile.gif

Per chi fosse interessato qui sono riportati i costi (non ancora ufficializzati) dell'intera missione:
Fonte: bmpd.livejournal.com

user posted image

Messaggio modificato da Franco60 il Venerdì, 10-Feb-2017, 12:09
PMEmail Poster
Top
Utenti totali che stanno leggendo la discussione: 0 (0 Visitatori e 0 Utenti Anonimi)
Gli utenti registrati sono 0 :

Topic Options Pagine : (5) 1 2 [3] 4 5  Reply to this topicStart new topicStart Poll

 



[ Script Execution time: 1.3444 ]   [ 20 queries used ]   [ GZIP Abilitato ]