Benvenuto Visitatore ( Connettiti | Registrati )


Pagine : (10) « Prima ... 8 9 [10]   ( Vai al primo messaggio non letto ) Reply to this topicStart new topicStart Poll

> Escalation in Siria
Franco60
Inviato il: Mercoledì, 06-Set-2017, 10:16
Quote Post



Group Icon

Gruppo: Regia Marina
Messaggi: 1151
Utente Nr.: 115
Iscritto il: 01-Mag-2015



Siriani e russi spezzano l’assedio di Deir Ezzor

user posted image
(photo by Syrian Army)

(estratto da analisidifesa.it)
Dopo settimane di battaglie l’esercito siriano ha raggiunto Deir Ezzor e infranto l’assedio delle milizie jihadiste dello Stato islamico, in corso da oltre due anni.
Le truppe di Damasco si sono ricongiunte con la guarnigione assediata all’interno della base della 137esima Brigata, nella parte occidentale della città, dove si trovano cinquemila soldati di Bashar Assad. Si tratta per ora solo di un successo parziale poiché i quartieri meridionali della città e l’aeroporto militare rimangono ancora circondati dalle milizie dell’Isis...
Oltre all’intensa campagna condotta nel settore di Deir Ezzor dai cacciabombardieri e dagli elicotteri russi, ieri mattina la fregata Ammiraglio Essen della flotta del Mar Nero ha lanciato dal Mediterraneo missili da crociera Kalibr contro obiettivi dello Stato Islamico nei pressi di Deir Ezzor.

Only registered users can see youtube.com videos
Registrati o Entra nel forum!

(video by Ministero della Difesa russo via YouTube)

L’attacco è stato condotto contro una zona controllata da militanti originari principalmente della Russia e da altri paesi dell’ex Urss, ha riferito il ministero della Difesa russo citato dalla Tass...
Per Damasco rompere l’assedio e riprendere il pieno controllo di Deir Ezzor significa mettere in sicurezza il confine con l’Iraq e rientrare in possesso degli oleodotti e dei pozzi di gas e petrolio che avevano garantito in questi anni al Califfato un’importante finte di denaro. Dopo la perdita di Mosul e di Tal Afar in Iraq, l’Isis ha subìto quindi un nuovo duro colpo in Siria che corona la vittoriosa offensiva delle forze di Assad in corso da mesi contro le milizie dell’IS...
Il comando delle forze armate di Damasco ha definito la rottura dell’assedio di Dayr az Zor “una svolta strategica nella guerra al terrorismo”, sottolineando che la città sarà usata come “un trampolino di lancio per espandere le operazioni militari nella regione”. Soprattutto per riprendere il controllo di tutto il territorio lungo il confine con l’Iraq. Forse proprio come conseguenza della rapida avanzata delle truppe lealiste siriane nella regione, la Coalizione anti-Isis a guida statunitense aveva condotto nelle ultime due settimane una serie di missioni lampo in quest’area per recuperare spie e collaboratori infiltrati precedentemente nello Stato islamico...
Operazioni di “recupero personale” per certi versi ambigue perchè potrebbero indicare il salvataggio di infiltrati e spie al servizio degli Stati Uniti oppure dimostrare che l’IS, nemico degli USA in Iraq, non lo è poi così tanto in Siria dove combatte il regime di Assad oltre a russi e iraniani che lo affiancano, invisi a Washington e ai suoi alleati arabi ed europei che hanno sempre puntato sulla caduta di Bashar Assad...
(Fonte: analisidifesa.it, difesaonline.it, ilsole24ore.com, notiziegeopolitiche.net, cnn.com, tass.com, sputniknews.com)

Messaggio modificato da Franco60 il Mercoledì, 06-Set-2017, 10:26
PMEmail Poster
Top
Utenti totali che stanno leggendo la discussione: 1 (1 Visitatori e 0 Utenti Anonimi)
Gli utenti registrati sono 0 :

Topic Options Pagine : (10) « Prima ... 8 9 [10]  Reply to this topicStart new topicStart Poll

 



[ Script Execution time: 0.2291 ]   [ 19 queries used ]   [ GZIP Abilitato ]