Benvenuto Visitatore ( Connettiti | Registrati )


  Reply to this topicStart new topicStart Poll

> Regio Sommergibile Ametista, Giuseppe Russo - Pierangelo Manuele
 
Vota il volume
Indispensabile - Essential [ 0 ]  [0.00%]
Consigliata - Recommended [ 1 ]  [100.00%]
Accettabile - Fair [ 0 ]  [0.00%]
Sconsigliata - Not Recommended [ 0 ]  [0.00%]
Vade retro Satana - Horrible [ 0 ]  [0.00%]
Voti Totali: 1
I visitatori non possono votare 
WinstonChurchill
Inviato il Sabato, 25-Ott-2014, 14:27
Quote Post


Administrator


Gruppo: Admin
Messaggi: 3920
Utente Nr.: 1
Iscritto il: 22-Giu-2012



user posted image


Titolo: Regio Sommergibile Ametista - Ricordi di un marinaio. Da Torino a Lero e ritorno.
Autore: Giuseppe Russo - Pierangelo Manuele (a cura di)
Casa editrice: Stampato in proprio
Anno di edizione: 2014
Pagine: 168
Prezzo di copertina: € 15


Il socio AIDMEN Pierangelo Manuele ha curato e recentemente dato alle stampe, con il patrocinio del Museo Civico Navale di Carmagnola di cui è Presidente, un volume dedicato alle memorie del sommergibilista torinese Giuseppe Russo. Classe 1921 Russo viene arruolato dal Consiglio Leva Mare di Savona il 1.07.1940 con la qualifica provvisoria di Allievo Fuochista Artefice. Dopo un periodo di congedo illimitato, “in attesa dell'avviamento alle armi”, nel novembre del 1941 viene destinato al deposito CREM di La Spezia. Trasferito, nel gennaio del 1942, alla Scuola Sommergibilisti di Pola imbarcherà sul sommergibile Medusa, chiamato ad assolvere in quella piazza principalmente compiti addestrativi. Miracolosamente scampato, grazie ad una “provvidenziale” febbre, al tragico siluramento che segnerà il destino del battello e del suo equipaggio[1], nell’aprile del 1942, terminato il corso formativo, verrà quindi assegnato al sommergibile Ametista, temporaneamente dislocato a Napoli per riparazioni, su cui presterà servizio sino al 12 settembre del 1943, data in cui l’unità verrà autoaffondata nelle acque prospicenti l’abitato di Numana. Per il nostro marinaio inizia quindi un travagliato viaggio di rientro a casa che non segnerà la fine delle sue tribolazioni posto che, in qualità di sbandato, dovrà, in più di un’occasione, sottrarsi ai rastrellamenti organizzati dalle SS presenti nelle zone di Vische e Candia Canavese, dove rispettivamente abitava e lavorava. La pubblicazione, di gradevolissima lettura, appare ben strutturata e di grande interesse da un punto di vista storico. Gli stralci delle memorie di Russo, un “giovanotto” di 94 anni che ho avuto il piacere di conoscere personalmente presso la sede ANMI di Torino, sono sempre introdotti e seguiti da un testo del curatore che consente al lettore di inquadrare i singoli episodi nell'ambito più generale del contesto bellico. Ove necessario Manuele non manca di approfondire anche qualche aspetto tecnico che viene però affrontato con taglio divulgativo, senza appesantire la narrazione. Per integrare il racconto e ricostruire la storia operativa delle unità su cui Russo si ritrovò a servire la Patria il curatore ha consultato fonti primarie e segnatamente i fascicoli relativi ai battelli Medusa e Ametista conservati presso l'Ufficio Storico della Marina Militare nei quali sono custoditi i rispettivi rapporti di missione. Questo prezioso lavoro di ricerca si è rivelato fruttuoso consentendo di portare alla luce aspetti poco noti della guerra subacquea consumatasi nelle acque del Mediterraneo. Molti passaggi meriterebbero di essere citati ma rischierei di trascrivere buona parte del volume con evidenti problemi di copyright. Mi limiterò quindi a riportare un passo particolarmente significativo che tuttavia necessita di una breve premessa: né l'Autore del diario né il suo curatore possono, in alcun modo, essere tacciati di parzialità. Mentre il primo dimostra equilibrio nell'apprezzare gli eventi di cui fu protagonista (ivi comprese le singolari circostanze in cui maturò l'autoaffondamento dell'Ametista), il secondo non è da meno affrontandoli senza pregiudizi e con grande onestà intellettuale, comprendendosi chiaramente come l'unico scopo perseguito sia quello di ricostruire il più fedelmente possibile la storia di questi due battelli e dei loro equipaggi, senza cedere mai a tentazioni denigratorie o, all'opposto, revisioniste nei confronti dell'operato della Regia Marina. Ciò premesso uno dei brani che più mi ha colpito è lo stralcio della relazione che l'allora Capitano di Corvetta Virgilio Spigai inviò ai suoi superiori allorché cessò dal comando del sommergile Ametista. Nello scritto, intitolato “Alcune osservazioni sui Sommergibili Italiani nel Mediterraneo”, l'ufficiale, dopo avere evidenziato le ormai ben note carenze tecniche che affliggevano i nostri battelli unitamente alle inadeguate modalità con cui gli stessi venivano impiegati, sottolinea la difficile situazione psicologica in cui si trovavano ad operare gli equipaggi impegnati nel Mare Nostrum, così descrivendola: “[...] il morale dei sommergibilisti del Mediterraneo risente della dura fatica compiuta con poco risultato e del naturale passaggio in seconda linea della propria opera di fronte al linguaggio dei risultati conseguiti dalle forze aeree e dai compagni in Atlantico”. In effetti le statistiche riportate in appendice al volume lasciano poco spazio all'immaginazione evidenziando come il 77% dei sommergibili italiani dispiegati nel bacino mediterraneo nel corso della Seconda Guerra Mondiale “non colpì nulla”, dato che diventa “ancora più sconfortante se si pensa che […] ben il 58% (11 su 19) delle navi mercantili affondate era neutrale”[2]. Anche il giudizio personale espresso da Spigai sugli ufficiali della Regia Marina nel secondo capitolo della relazione sorprende molto: l'estensore dichiara infatti che “in senso relativo non sono la parte migliore della nave” lamentando peraltro che “quasi nessuno di essi” fosse “in grado di fare il punto astronomico” e caldeggiando, per tale ragione, un più incisivo intervento del “Comando della Regia Accademia Navale”[3]. Le perplessità sollevate dalle affermazioni di questo autorevole e qualificato Comandante meriterebbero, a mio avviso, un supplemento di indagine che, per ovvie ragioni, non era possibile svolgere in seno all'opera. In tal senso è un vero peccato che la relazione di Spigai non sia stata pubblicata integralmente in appendice al libro[4]: il contesto in cui si inseriscono le sue dichiarazioni avrebbe probabilmente aiutato a comprenderne meglio la portata. L'immancabile caccia all'errore impone di segnalare la presenza di qualche refuso - il Comandante Spigai sbarcò dall’Ametista il 25 maggio del 1942 non nel maggio del 1943 [5] - e di un errore nella didascalia della seconda immagine contenuta a pag. 87 la quale non ritrae la Camera di Manovra ma la Camera di Lancio di un nostro battello: nulla comunque che possa inficiare la validità del lavoro svolto da Russo e Manuele che hanno saputo regalare ai navalisti un volume di sicuro interesse da cui emergono, ancora una volta, in tutta la loro evidenza, i sacrifici compiuti dagli uomini della Regia Marina nel corso della Seconda Guerra Mondiale.

Note:

[1] Al tragico affondamento sopravvivranno solo tre membri dell'equipaggio sui sessanta uomini imbarcati di cui uno, il guardiamarina Arturo Fei, morirà poco dopo in ospedale a Pola a causa delle ferite riportate (V. Pag. 61).
[2] V. pag. 133.
[3] V. pag. 76.
[4] La versione integrale della relazione è disponibile al seguente link: http://regiamarinaitaliana.forumgratis.org...&showtopic=1228
[5] V. Pagg. 74. Nella stessa pagina il curatore ricorda un curioso episodio che ebbe come protagonista l'allora C.C. Spigai il quale rivolgendosi “ad un sottoposto che gli chiedeva perché, di fronte ad un attacco nemico, avesse ordinato un'immersione particolarmente profonda” rispose “Che farebbe la Marina senza il comandante Spigai?”. Per completezza aggiungo che il sottoposto con cui si svolse questo scambio di battute era l'allora T.V. Ottorino Beltrami, Comandante in Seconda dell'Ametista:

Only registered users can see youtube.com videos
Registrati o Entra nel forum!



L'inossidabile sommergibilista Giuseppe Russo:


user posted image


La (preziosa) dedica degli Autori:


user posted image

Messaggio modificato da WinstonChurchill il Giovedì, 20-Nov-2014, 10:49


--------------------
“Success is the ability to go from one failure to another with no loss of enthusiasm”

user posted image user posted image
PMEmail Poster
Top
de domenico
Inviato il Domenica, 26-Ott-2014, 09:54
Quote Post





Gruppo: Special Guest
Messaggi: 3543
Utente Nr.: 7
Iscritto il: 25-Giu-2012




La relazione dell' ammiraglio Spigai e' roba da far rabbrividire i nostri cari revisionisti ...ricordo su forum-marinearchiv un thread su cui il revisionista-capo sosteneva la curiosa tesi secondo cui nel Mediterraneo il rapporto siluri lanciati/colpi a segno sarebbe stato piu' favorevole ai nostri smg rispetto agli U-Boote. Ricordo anche l'ilarita' degli esperti tedeschi rispetto all'ennesima balla, e un intervento di Platon che riferiva i dati comparativi tra smg italiani, tedeschi e alleati..
Le nostre truppe invitte hanno occupato nuove posizioni arretrate, come diceva l'Agenzia Stefani.

Messaggio modificato da WinstonChurchill il Domenica, 26-Ott-2014, 11:06


--------------------
user posted image user posted image
PMEmail Poster
Top
Adv
Adv















Top
WinstonChurchill
Inviato il Domenica, 26-Ott-2014, 11:19
Quote Post


Administrator


Gruppo: Admin
Messaggi: 3920
Utente Nr.: 1
Iscritto il: 22-Giu-2012



Francesco ho eliminato dal tuo post la citazione del mio messaggio iniziale per renderlo più leggibile winks.gif . Colgo l'occasione per aggiungere che i disegni in prima e quarta di copertina, tecnica mista su cartoncino, sono opera del socio AIDMEN Massimo Alfano:


user posted image


user posted image


Mi scuso per la scarsa qualità delle immagini ma non avevo a tiro uno scanner.


--------------------
“Success is the ability to go from one failure to another with no loss of enthusiasm”

user posted image user posted image
PMEmail Poster
Top
Elisa500
Inviato il Lunedì, 28-Ago-2017, 10:49
Quote Post





Gruppo: Members
Messaggi: 3
Utente Nr.: 199
Iscritto il: 28-Ago-2017



Salve a tutti, innanzitutto grazie per avermi accolto e scusate se scriverò qualcosa di sbagliato purtroppo non ho molte conoscenze in merito. Ho deciso di iscrivermi perchè guardando fra gli album di famiglia ho trovato un album di memorie del nonno paterno, purtroppo c'ha lasciato quando avevo solamente 5 anni e non ho potuto ascoltare i suoi racconti. Da un po, con l'intento di scoprire la sua storia, navigando su internet ho trovato il vostro forum e mi sono illuminata. Sarei davvero interessata ad acquistare il libro sopra citato. Il suo album fotografico è diviso in due parti la prima riguarda il periodo trascorso sull'Armando Diaz "Campagna in Australia" e presenta molte didascalie, la seconda penso sia in merito al periodo trascorso sul sommergibile Ametista, cosa di cui non son certa perchè come già detto non m'intendo molto e l'ho letto dietro ad una foto in cui appunto scrive "Ametista". Riguardo al periodo sul sommergibile non ha lasciato nessuna descrizione.
Mio nonno si chiamava Tavagnacco Luigi Bruno.
Grazie mille a chi leggerà e sarà così gentile da rispondermi.
PMEmail Poster
Top
WinstonChurchill
Inviato il Lunedì, 28-Ago-2017, 11:07
Quote Post


Administrator


Gruppo: Admin
Messaggi: 3920
Utente Nr.: 1
Iscritto il: 22-Giu-2012



Buongiorno Elisa e benvenuta a bordo. Le inoltrerò a mezzo mail un contatto che potrà utilizzare per l'acquisto del volume. Se riuscisse, senza fretta, a scannerizzare le immagini dell'album di suo nonno e ad inviarmele in copia potrò aiutarla in nella sua ricerca.


--------------------
“Success is the ability to go from one failure to another with no loss of enthusiasm”

user posted image user posted image
PMEmail Poster
Top
Elisa500
Inviato il Lunedì, 28-Ago-2017, 12:34
Quote Post





Gruppo: Members
Messaggi: 3
Utente Nr.: 199
Iscritto il: 28-Ago-2017



Grazie mille, gentilissimo. Lo farò sicuramente.
PMEmail Poster
Top
Utenti totali che stanno leggendo la discussione: 1 (1 Visitatori e 0 Utenti Anonimi)
Gli utenti registrati sono 0 :

Topic Options Reply to this topicStart new topicStart Poll

 



[ Script Execution time: 2.6549 ]   [ 22 queries used ]   [ GZIP Abilitato ]